Pastorale familiare

 24/04/2016  Nel pomeriggio di domenica 24 aprile, Francesco s'è recato a sorpresa al Villaggio per la terra, evento promosso tra gli altri da Earth Day Italia e Movimento dei Focolari. Un intervento, il suo, a quasi un anno dalla pubblicazione dell'enciclica Laudato si'.

di Laura Badaracchi (da Famiglia Cristiana)

Giornata mondiale per la terra

 A sorpresa, come a lui piace fare, papa Francesco è arrivato a Villa Borghese nel pomeriggio di domenica 24 aprile verso le 17, per partecipare alla manifestazione “Villaggio per la terra” promosso fra gli altri da Earth Day Italia e dal Movimento dei Focolari, dove era stato invitato anche per il suo impegno di tutela del creato che ha generato, quasi un anno fa,  l’enciclica Laudato si’. In perfetto “stile Bergoglio”, il pontefice ha abbandonato i fogli scritti del discorso preparato per parlare a braccio alle centinaia di persone presenti al dibattito sulla città di Roma.

Al suo arrivo in auto, insieme al sostituto della Segreteria di Stato monsignor Angelo Becciu, il Papa è stato accolto tra gli altri dalla presidente del Movimento dei Focolari Maria Voce e dall’arcivescovo monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione e coordinatore vaticano degli eventi del Giubileo. «Sentendo voi parlare, mi sono venute due immagini: il deserto e la foresta. Io ho pensato: questa gente, tutti voi, prendono il deserto per trasformarlo in foresta. Vanno dove c’è deserto e non c’è speranza, e fanno cose che fanno diventare foresta questo deserto. La foresta è piena di alberi, è piena di verde, ma troppo disordinata. Però così è la vita. E passare dal deserto alla foresta è un bel lavoro che voi fate. Voi trasformate deserti in foreste», ha detto il Papa, puntualizzando che non bisogna aver «paura di andare nel deserto per trasformarlo in vita», anche se «avvicinarsi agli altri è un rischio. Ma è anche un’opportunità per me e per la persona a cui mi avvicino. Il deserto è brutto, nel cuore come nelle città, nelle periferie».

 

 
Jorge Mario Bergoglio è passato poi ad analizzare i rischi insiti nel gioco d’azzardo e il dolore che provoca, perché «tanta gente perde tutto lì. A Buenos Aires ho visto anziani che andavano alla banca a prendere la pensione e poi subito al casinò». Oggi, ha proseguito, «in questo mondo sembra che se non paghi non puoi vivere. Al centro del mondo è il dio denaro, quelli che possono avvicinarsi e adorare questo Dio si avvicinano, gli altri che non si avvicinano finiscono nella fame, nelle malattie, nello sfruttamento: pensate allo sfruttamento dei bambini, dei giovani». Contrapposta a questa logica è la gratuità, «parola chiave per andare con gli altri e far sì che questo deserto possa diventare foresta».

Tutti siamo umani e con quella umanità ci avviciniamo per lavorare insieme, senza differenze di religione e sesso: «Non importa, lavoriamo insieme e c'è il miracolo di un deserto che diventa foresta». Sul gioco collettivo, di “squadra”, un’altra similitudine di Bergoglio, riferita a uno sport da lui amato: «La vita la si deve prendere da dove viene, è come il portiere nel calcio: prende il pallone da dove lo buttano. Non bisogna avere paura nella vita». Inoltre ha aggiunto: «E poi c’è un’altra cosa che ha a che fare con il gioco, con lo sport anche con l’arte: la gratuità. Spesso a tutti noi manca il sorriso, ci manca l’amicizia sociale, pensiamo solo a noi stessi. Viviamo una terza guerra mondiale a pezzi. L’amicizia sociale si fa nella gratuità. E questa saggezza della gratuità si impara col gioco, con lo sport, con l’arte, con la gioia di essere insieme, con l’avvicinamento. È una parola da non dimenticare in questo mondo in cui sembra che se tu non paghi non puoi vivere».

Nel corso dei lavori, anche la testimonianza di don Maurizio Patriciello, parroco del quartiere Parco Verde di Caivano (Napoli) e simbolo di resistenza nella cosiddetta Terra dei fuochi, segnata da tante morti premature per cancro a causa dell’inquinamento ambientale.  

********************************

Papa Francesco: "L'Europa può accogliere tutta la miseria del mondo"

16/04/2016  "Non ho fatto una scelta tra cristiani e musulmani, questi tre avevano le carte in regola, i documenti in regola e si poteva fare. C’erano, per esempio, due famiglie cristiane, ma non avevano le carte in regola. Non è un privilegio, tutti e 12 sono figli di Dio, l’unico privilegio è dei figli di Dio".

di Annachiara Valle (da Famiglia Cristiana)

Dopo la lettura del comunicato sui rifugiati che il Papa porta a Roma, Francesco, sull'aereo, si è concesso alle domande dei giornalisti. Ha voluto prima ringraziare «per questa giornata di lavoro che è stata per me un viaggio troppo corto e anche per voi» e poi ha risposto alla prima domanda sull'accordo tra Unione Europea e Turchia e sui profughi che sono sull'aereo.

«Prima di tutto non c‘è alcuna speculazione politica perché questi accordi tra la Turchia e la Grecia io non li conoscevo bene, li ho visto sui giornali e non posso dire alcuna cosa. Questo è un viaggio umanitario, è stata un’ispirazione di una settimana fa, di uno dei miei collaboratori e io ho accettato subito, subito, perché ho visto che era lo spirito che parlava. E tutte le cose sono state fatte in regola, loro vengono con i documenti in regola, lo stato della città del Vaticano, il governo greco, il governo italiano... tutto è stato ispezionato , tutto, tutto. Sono accolti dal Vaticano, con la collaborazione della comunità di sant’Egidio a cercare un posto di lavoro se c’è, o anche la manutenzione. Sono costi del Vaticano, si aggiungono alle due famiglie siriane che sono accolte nelle due parrocchie vaticane. Questa mattina quando uscivo c’era lì il senatore Sanders che era venuto al convegno della Centesimus annus, lui sapeva che io uscivo a quell’ora e ha avuto la gentilezza di salutarmi. Ho salutato lui e la moglie e un’altra coppia che alloggiavano in Santa Marta, perché tutti, eccetto i due presidenti che credo alloggiavano all’ambasciata, tutti i partecipanti alloggiavano a Santa Marta. Io sono sceso, l'ho salutato, con la mano e niente di più, è educazione si chiama educazione e non immischiarsi in politica. Se qualcuno pensa che dare un saluto sia immischiarsi in politica gli consiglio di trovare uno psichiatra».

Lei parla molto di accoglienza, ma poco di integrazione. Ci spiega questo. E poi perché ha privilegiato tre famiglie musulmane?

«Non ho fatto una scelta tra cristiani e musulmani, questi tre avevano le carte in regola, i documenti in regola e si poteva fare. C’erano, per esempio, due famiglie cristiane, ma non avevano le carte in regola. Non è un privilegio, tutti e 12 sono figli di Dio,  l’unico privilegio è dei figli di Dio. Sull’integrazione è molto intelligente quello che dice e la ringrazio, lei ha detto una parola che nella nostra cultura attuale sembra essere dimenticata, dopo la guerra, ma oggi esistono... alcuni dei terroristi che hanno fatto atti terroristi sono figli e nipoti del paese in Europa. Cosa è successo? Non c’è stata una politica di integrazione e questo per me è fondamentale a tal punto che sei lei vede nell’Enciclica, nell’Esortazione postsinodale ad un certo punto c’è, tra le dimensioni pastorali per le famiglie in difficoltà, l’integrazione. Oggi l’Europa deve riprendere questa capacità che ha sempre avuto di integrare, perché in Europa sono arrivati i nomadi, i normanni e ha integrato e ha inciso nella sua cultura, no? e credo che abbiamo bisogno di un insegnamento e un’educazione all’integrazione».

Le frontiere rinforzate dell’Europa sono la fine del sogno europeo?

«Non lo so, ma io capisco i governi e anche i popoli che hanno una certa paura e io questo lo capisco, e dobbiamo avere una grande responsabilità nell’accoglienza e una delle cose su cui avere  responsabilità è come integrare questa gente nel nord. Io ho sempre detto che fare i muri non è una soluzione, ne abbiamo visti nel secolo scorso la caduta di uno, non risolve niente, dobbiamo fare ponti, ma i ponti si fanno con intelligenza, si fanno con dialogo e integrazione. Io capisco un certo timore, ma chiudere le frontiere non risolve niente, perché quella chiusura alla lunga fa male al proprio popolo. L’Europa deve urgentemente fare politiche di accoglienza, di integrazione  lavoro, di crescita, di riforma dell’economia e tutte queste cose sono i ponti che ci porteranno a non fare muri. Ma la paura detto tra noi...ma dopo quello che io ho visto, io cambio tema ma voglio dirlo oggi, quello che voi avete visto in quel campo di rifugiati, c’era da piangere, i bambini, ho portato con me per farvi vedere, i bambini mi hanno regalato tanti disegni, cosa vogliono i bambini ecco vogliono la pace... perché soffrono è vero che li hanno corsi di educazione nel campo...ma cosa hanno visto i bambini...guardate questo...(mostra un disegno) che hanno visto un bambino annegare. questo i bambini lo hanno nel cuore, oggi davvero era da piangere. lo stesso tema lo ha fatto questo bambino dell’Afghanistan ...questi bambini hanno nel primo...hanno in memoria questo e ci vorrà tempo per elaborare quello. Questo sole che, vede, piange... anche il sole è capace di piangere... anche noi, una lacrima ci farà bene».

L’Europa può accogliere tutta la miseria del mondo?

«E’ vero l'ho detto oggi nel discorso, qualcuno fugge dalle guerre, alcuni fuggono dalla fame, tutti e due sono l’effetto dello sfruttamento sia della terra che dalla guerra. Mi diceva un capo di governo dell’Africa, un mese fa, che la prima missione del suo governo era riforestare perché la terra era diventata morta dopo lo sfruttamento della deforestazione. ma alcuni fuggono dalla fame, altri dalla guerra, io inviterei ai trafficanti di armi - perché chi da le armi ai diversi gruppi? - a questi fabbricanti io li inviterei a passare una giornata in quel campo e credo che per loro sarebbe salutare».

Questo è stato un viaggio triste e commovente? Serve?

«Rispondo con una frase che non è mia. Lo stesso hanno domandato a madre Teresa, ma lei tanto sforzo, tanto lavoro per aiutare a morire la gente, per quello che lei fa non serve in tanto mare e lei ha risposto è una goccia nel mare, ma dopo questa goccia il mare non sarà lo stesso. Rispondo così, un piccolo gesto, ma quei piccoli gesti che dobbiamo fare tutti gli uomini per tendere la mano a quella gente«»

In Grecia la politica economica è di austerità. E' quello di cui lei parla?

«La parola austerità ha significati diversi. Economicamente significa un capitolo di un programma, politicamente significa un’altra cosa, spiritualmente un’altra ancora. Quando io parlo di austerità parlo di austerità in confronto con lo spreco. Ho sentito dire in una riunione che con lo spreco di un pasto si potrebbe placare tutta la fame e noi a casa nostra quanti sprechi facciamo senza volerlo. E questa cultura dello scarto, dello spreco di cui io parlo. Fermiamoci qui e viviamo un po' austeramente».

Ha detto che è crisi peggiore dalla seconda guerra mondiale, e quella degli immigrati messicani?

«E' lo stesso, lì arrivano fuggendo dalla fame, ma è lo stesso problema. A Ciudad Juarez ho celebrato la messa a 100 metri, meno dal filo dall’altra parte c’era una cinquantina di vescovi degli Usa e anche uno stadio con 50mila persone e nel Messico ce n’erano di più ma è lo stesso arrivano nel Messico dal Centroamerica. Non so se lei si ricorda due mesi fa un conflitto con il Nicaragua è stato risolto e non voleva che i rifugiati transitassero e li portavano in aereo all’altro paese, senza passare per il nicaragua...ma è un problema mondiale io ne ho parlato ai vescovi messicani ho chiesto di avere cura dei rifugiati».

Sull'Esortazione apostolica c'è una discussione tra chi dice che nulla è cambiato sulla disciplina di accesso sacramenti per divorziati e risposati e altri che sostengono che molto è cambiato. E' cambiato?

«Io posso dire sì, ma sarebbe una risposta troppo piccola, io vi raccomando a tutti voi di leggere la presentazione che ha fatto il cardinale Schonborn, che è un grande teologo è stato anche il segretario della Congregazione per la Fede e conosce bene la dottrina della fede, in quella presentazione la sua domanda avrà la risposta».

La famosa nota. Perché una questione così importante come l'accesso ai sacramenti soltanto in una nota? «Uno degli ultimi Papi parlando sul Concilio ha detto che c’erano due concili quello Vaticano II che si faceva nella basilica di San Pietro e l’altro che si faceva tra i media. Quando io ho convocato il primo sinodo, la grande preoccupazione della maggioranza dei media era "ah potranno fare la comunione i divorziati risposati?". E siccome io non sono santo questo mi ha dato un po' di fastidio e poi un po' di tristezza. Ma i media che dice questo e questo non si accorge che quello non è il problema importante, non si accorge che la famiglia in tutto il mondo è in crisi, che è la base della società  non si accorge che i giovani non vogliono sposarsi, non si accorgono del calo di natalità in Europa. C'è da piangere, non se ne accorge che la mancanza di lavoro, le possibilità di lavoro fa che si che il papà e la mamma prendano due lavori e i bambini crescano da soli e non imparano a crescere con il papà e la mamma. Io non ricordo quella  nota, ma sicuramente se una cosa è in nota è perché è stata detta nella Evangelii Gaudium. Sicuro deve essere....non ricordo il numero ma sicuro grazie della vostra compagnia io mi sento tranquillo con voi, grazie della compagnia».      

 

**************************************
 

Discorso del santo Padre

 USCIRE

ANNUNCIARE

ABITARE

EDUCARE

TRASFIGURARE

 

 ***************************************

 LA VOCAZIONE E LA MISSIONE DELLA FAMIGLIA NELLA CHIESA E NEL MONDO CONTEMPORANEO
RELAZIONE FINALE DEL SINODO DEI VESCOVI AL SANTO PADRE FRANCESCO

 SCARICA

 ***************************************

SINODO FAMIGLIA: grande apprezzamento per la bozza della relazione finale

Alla vigilia della conclusione dei lavori del Sinodo sulla Famiglia, si è svolto il consueto briefing in Sala Stampa, moderato da padre Federico Lombardi. Sono intervenuti oggi il cardinale Peter Turkson, presidente del Pontificio Consiglio “Giustizia e Pace”, il cardinale canadese Gérald Cyprien Lacroix, arcivescovo di Québec, e mons. Lucas Van Looy, vescovo di Gand in Belgio. Il servizio di Alessandro Gisotti:

 SCARICA

***************************************

 15 ottobre 2015

Pubblichiamo i testi delle relazioni dei circoli minori di lingua italiana riunitisi dal 12 al 13 ottobre per esaminare la seconda parte dell’«Instrumentum laboris», dedicata al tema «In discernimento della vocazione familiare».

scarica documento

(da "l'Osservatore Romano")

 

***************************************

La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo (4-25 ottobre 2015) -

Il Vaticano invia ai cattolici 46 domande per il Sinodo 2015


**************************

 

Comunicato della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi: Pubblicazione dei "Lineamenta" della XIV Assemblea Generale Ordinaria (4-25 ottobre 2015), 09.12.2014

 



Comunicato della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi: Pubblicazione dei "Lineamenta" della XIV Assemblea Generale Ordinaria (4-25 ottobre 2015)

Come già annunciato, la XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi avrà luogo dal 4 al 25 Ottobre 2015, sul tema: "La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo".

I Lineamenta, cioè il primo dei documenti per tale Assemblea, come indicato dal Papa Francesco nel discorso conclusivo della III Assemblea Straordinaria (18 ottobre 2014), sono costituiti essenzialmente dalla Relatio Synodi redatta dalla stessa Assemblea. Tuttavia, per facilitare la recezione del documento sinodale e l’approfondimento dei temi in esso trattati, la Relatio viene accompagnata da una serie di domande, che aiuteranno a continuare il cammino sinodale già iniziato e a preparare il successivo Instrumentum laboris della prossima Assemblea Ordinaria.

Il Documento così composto - di cui oggi viene pubblicato l’originale in lingua italiana - viene inviato alle Conferenze Episcopali, ai Sinodi della Chiese Orientali Cattoliche sui iuris, all’Unione dei Superiori Religiosi e ai Dicasteri della Curia Romana.

I suddetti Organismi ecclesiali, che nei prossimi giorni riceveranno il documento tradotto nelle rispettive lingue di uso più comune, potranno scegliere le modalità adeguate per verificare la recezione e per l’approfondimento della Relatio Synodi , coinvolgendo le diverse componenti delle Chiese particolari e istituzioni accademiche, organizzazioni, aggregazioni laicali e altre istanze ecclesiali, allo scopo di promuovere un’ampia consultazione sulla famiglia secondo l’orientamento e lo spirito del processo sinodale.

I risultati di tale consultazione dovranno essere inviati alla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi entro il 15 aprile 2015, così da poter essere studiati e valorizzati nella preparazione dell’Instrumentum laboris che dovrà essere pubblicato prima dell’estate.

Le Conferenze Episcopali e le diverse istanze ecclesiali sono invitate ad accompagnare il cammino sinodale con opportuni momenti di preghiera e di celebrazione per la famiglia e per la preparazione della prossima Assemblea. Ciò dovrà avvenire in particolare in occasione della prossima festa liturgica della Sacra Famiglia, il 28 dicembre. Inoltre si invita al frequente uso della preghiera del Santo Padre per il Sinodo sulla Famiglia [ il testo si può trovare in http://w2.vatican.va/content/francesco/it/prayers/documents/papa-francesco_preghiere_20131027_sinodo-famiglia.html

9/12/2014 

 
*********************************

E' uscito l'Instrumentum laboris, il documento preparatorio per l'assemblea dei Vescovi. (da scaricare)


********************************

 


 archivio Archivio

Avvisi importanti

  • 14a edizione del Festival Biblico che si svolgerà dal 3 al 27 maggio 2018.

  • Gaudete et Exsultate, le frasi più significative della nuova esortazione

  • MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA CELEBRAZIONE DELLA LI GIORNATA MONDIALE DELLA PACE